A tribute to Italo Vignoli

Lasciatemi fare quello fanno molti blogger: essere autoreferenziale e autocelebrativo. Stavo giocherellando con la nuova funzionalità di Technorati che permette di filtrare i risultati di una ricerca per autorità (ne parlerò in un altro post) e ho inserito il mio nome come termine di ricerca. Con sorpresa, scopro che Italo Vignoli mi cita per aver commentato il suo blog (il post Anniversario mi era sfuggito quando è passato per l’aggregatore):

Come tutti gli anniversari che si rispettino, un sentito grazie a tutti i lettori e a tutti quelli che hanno commentato con intelligenza, ironia e sarcasmo (in primis, Nicola Mattina, con cui condivido l’aspetto della barba ma non il tipo di personalità secondo il test MBTI [Myers-Briggs Type Indicator], visto che lui è un INFJ e io sono un INTJ, ovvero Introverted iNtuitive Thinking Judging).

Ovviamente immagino che Italo, che non conosco ancora personalmente, riferisca a me solo l’aggettivo sarcasmo, perché gli ho dato più di una volta del saccente 🙂 A ogni modo, mi fa piacere che abbia esaminato tanto accuratamente il mio sito da trovare anche la pagina sul test Mbti: ottenere attenzione è sempre assai difficile.
Ps: Italo, immagino che condividiamo anche un po’ di pinguedine. Mi farebbe piacere prendere un caffè insieme la prima volta che vengo a Milano e, nella migliore tradizione della blogosfera, ingigantire l’incontro fotografandolo per Flickr e registrando un podcast per farlo sembrare un’importante discussione accademica 😉 Buon compleanno al tuo blog.

Technorati Tags: , , , ,

1 comment

  • Caro Nicola, in realtà a te erano riferiti tutti i tre i termini, visto che l’ironia denota intelligenza e il sarcasmo – quando è leggero, come nel tuo caso – diventa un’utile critica (forse non si è notato, ma ho cercato di limitare la mia proverbiale saccenza). Comunque, vada per il caffè, amaro, e quindi dietetico: la mia pinguedine è un difetto che mi porto dietro dalla nascita, per cui sono a dieta da quando avevo più o meno sei anni (prima, un pediatra di Roma mi ha imbottito di farmaci per far rallentare il metabolismo, senza riuscirci) visto che con un regime da 1.200 calorie al giorno ingrasso 2 chili a settimana (sperimentato di fronte a un dietologo incredulo). E non dovresti essere meravigliato dal fatto che leggo tutto quello che mi passa a tiro d’occhio: non potrei fare altrimenti, per l’innata saccenza (che, nel mio caso, si mantiene studiando anche a 50 anni). E se poi si vuole spaventare qualcuno, immortaliamoci su Flickr. Ciao, Italo

By Nicola Mattina