RomagnaCamp: pronti, partenza, via

Pronto per il RomagnaCamp anche se in configurazione ridotta rispetto alle previsioni: Patrizia e le bimbe infatti rimarranno a Roma e io mi fermerò solo sabato e domenica mattina per qualche ora.
All’irrinunciabile evento illustrerò il frutto delle mie fatiche estive: tra una passeggiata lungolago con le bimbe e l’altra, infatti, ho iniziato a strutturare un discorso organico attorno ai media sociali con l’obiettivo di sintetizzare le caratteristiche salienti di questo fenomeno. La presunzione non mi manca e quindi mi sono avventurato anche in una definizione. Condivido in anticipo un articolo di poche cartelle dal titolo I media sociali sull’orlo del caos e rimango in attesa di vostri feedback e commenti. Gli stessi argomenti saranno oggetto della mia presentazione sabato e spero animeranno una bella discussione.

Scarica l’articolo in formato pdf: Nicola Mattina – Media Sociali.pdf

Technorati tags: , ,

9 comments

  • @Samuele. Però tu hai lasciato ben due commenti, quindi non deve essere poi così impossibile 🙂 E stai pur certo che finirai nel video, anche se non prenderai parte alla mia presentazione fondamentale per il futuro del mondo 😀

  • Non ci sarà al RomagnaCamp, sebbene le minacce di morte ricevute da uno degli organizzatori :-p, e sono in un periodo peggio che incasinato. Ho letto il paper ieri e mi è piaciuto molto, ma visto che sono una rompiscatole, vorrei leggermelo con più calma e riparlarne facendoti qualche critica o appunto qua e là (fossero anche solo gli errori di battitura!).

  • […] Con oltre 180 iscritti, cene e pranzi in programma, speeches su argomenti molto interessanti (dalla quaestio diritto e informatica illustrata dal bravissimo Antonino, alla riflessione sui media sociali di Nicola Mattina, passando per Dema che ci aggiornerà sul mondo FON fino alla tavola rotonda sul commercio elettronico) e perfino un’iniziativa solidale, il RomagnaCamp promette proprio bene. […]

  • […] Purtroppo la mia presenza si è limitata ad una manciata di ore, dall’ora in cui tutti si stavano dedicando al pranzo fino alle 16. Mentre mia moglie stava con le bimbe in spiaggia insieme alla iFamily e Cesare, con Sara che adottava immediatamente Ulisse e abbandonava la sorella Sofia al suo destino, io cercavo di salutare un po’ di vecchie e nuove conoscenze e di seguire qualche talk, nonostante la tendenza generale fosse orientata al cazzeggio. Come sottolineano Massimo Mantellini e Samuele Silva i barcamp in Italia stanno scivolando verso il cazzeggio puro, anche se devo dire che era veramente una sfida eroica riuscire a fare un talk serio come Nicola Mattina mentre il barista annuncia al microfono che c’è da spostare una macchina o sono pronti i cappelletti. Per il futuro vedo bene dei barcamp più tematici come i prossimi CreativeCamp, WordCamp e simili, ma il cazzeggio a margine ci sarà sempre, per fortuna. […]

By Nicola Mattina