Vicini di casa

Si dice che gli amici te li scegli, mentre i parenti no. Si deve aggiungere che anche i vicini di casa non si possono scegliere e, nonostante, uno cerchi di fare una scelta oculata scegliendo con cura quartiere e condominio, alla fine non ci sono certezze.
Vedi Rosa e Olindo, che hanno accoppato quattro persone perché facevano confusione, oppure il tizio inglese che ha giustiziato il vicino di casa perché era entrato nel suo giardino a recuperare la palla del figlio, e pensi ai tuoi condomini. Difficile non individuare qualcuno che assomiglia alla coppia precisina e un po’ paranoica di Erba: magari sono proprio quelli che abitano nel palazzo di fronte e che si sentono molto disturbati perché il tuo stanzino ha una finestra molto grande che lascia vedere i cappotti. E ti chiedi: ma quanto tempo passano questi qui a guardare dentro casa mia? E un po’ di ansia ti viene, anche come padre.
Perché questa gente che riesce a esprimersi solo urlando, che pensa di avere sempre ragione, che ritiene che tutto il mondo trami contro di loro, ti guarda dentro casa con insistenza? Confesso che ho il sogno di andare a vivere in una bella villa, ma poi penso a Cogne e al delitto dell’Olgiata
Qualcuno ha un bunker in vendita? 😉

4 comments: On Vicini di casa

  • Bunker? Guarda Hitler com’è finito :-)

  • Però io penso anche a Mario Frigerio, “vicino di casa”, che ha rischiato la sua vita, e che ha perso sua moglie, mentre cercavano di portare aiuto … 😉
    Solo che di queste persone non si parla mai …

  • Esiste anche il problema opposto: io, ad esempio, non posso uscire in balcone perché la vicina del piano di sotto ha la doccia attaccata al vetro della finestra, ed è una persona evidentemente molto pulita. Così, per non fare la figura del guardone mi tocca rimanere dentro. Se vuoi facciamo a scambio…

  • la paura, la solitudine e l’ignoranza conducono a comportamenti così estremi

Comments are closed.

Site Footer

Sliding Sidebar

About Me

About Me

Entrepreneur, digital explorer, polymath, husband and father of two girls. I study the unstoppable process of “software eating the world” and I'm passionate about digital transformation, open innovation, startup communities and all the techniques to invent new products and new business models.

Find me also here: