Unruly Media: quattro meno meno in comunicazione

Ogni tanto mi arrivano comunicati stampa o email perché sono un “blogger influente” (sic!) da qualcuno che maldestramente si occupa della comunicazione di qualcosa. Recentemente, per esempio, ho ricevuto varie comunicazioni dalla Cassa dei geometri, che sono finite direttamente nello spam. Qualche giorno fa, invece, mi scrive una certa Laura Borgio di Unruly Media con il seguente messaggio:

Salve
‘Infiniti’ ha recentemente rilanciato in Europa la sua nuova linea di auto sofisticate e ha commissionato 4 video ultra innovativi come parte dell’attivita’ relativa al lancio.
La campagnia verra’ a breve lanciata nel network di distribuzione di Unruly Media, e abbiamo pensato che essendo lei un blogger molto influente, saerbbe stato interessato in una speciale preview dei video prima del lancio pubblicitario.
Puo’ visualizzare i video e informazioni dettagliate sulla campagna qui:
http://console.unrulymedia.com/viral_campaigns/infiniti_lancia_il_visualizzatore_auto_online
Social Media Press release URL: ASK me for this!
Per ulteriori informazioni non esiti a contattarmi.
Cordiali Saluti

*Unruly Media*
Unruly Media e’ compagnia specializzata nella distribuzione di video e lavora con agenzie e marchi a livello globale per impegnare e unificare la rete sociale. Il suo network di distribuzione di virals copre a livello internazioneale migliaia di blog e di siti relativi al media e all’intrattenimento, permettendo ai brand di mettersi in comunicazioni con i lettori influenti nel loro campo.
Unruly Media fornisce ai clienti un servizio di distribuzione completo, che include i processi di progettazione, esecuzione e evaluazione. Si e’ evoluta per apportare qualita’ e quantita’ ai formati media. Tra i suoi clienti vi sono MTV, MySpace, Pot Noodle, Nokia e BBC.

Io rispondo:

Se vi foste presi la briga di leggere il mio blog non mi avreste importunato con questa roba.
E prendetevi la briga di rileggere quello che scrivete per assicurarvi che sia in un italiano corretto e senza refusi.
Saluti
Nicola Mattina

La summenzionata Laura Burgio risponde:

Caro Nicola,
Grazie per la sua risposta. Come lei puo’ capire ci sono molti blog interessati alla nostra proposta di collaborazione, semplicemente lei non e’ uno di quelli, percio’ non ne faccia un caso personale.
Un’altra domanada – lei per caso parla altre lingue? …come immaginavo…
Buona giornata.
Laura

Colgo l’occasione per fare un po’ di didattica a beneficio di comunicatori in erba e sedicenti professionisti della comunicazione. Ho segnato in corsivo i punti che meritano attenzione:

  • “4 video ultra innovativi”. Trattasi di quattro banali spot, di cui – sinceramente – non capisco il potenziale virale;
  • “blogger molto influente”. Io mi occupo di comunicazione e media sociali. E’ plausibile che nel mio settore qualcuno pensi che io abbia cose interessanti da dire, ma se parliamo di automobili non credo di poter influenzare nessuno.
  • “saerbbe”. Rileggere i testi e correggere i refusi, soprattutto se si scrive a estranei.
  • “interessato in una”. Al massimo potrei essere interessato a una.
  • “Social Media Press release URL: ASK me for this!”. Che significa?
  • “Unruly Media e’ compagnia”. Manca l’articolo e si dovrebbe scrivere “è una compagnia”.
  • “impegnare e unificare la rete sociale”. Non significa niente: ha l’aria di essere una traduzione maldestra.
  • “evaluazione”. Questa parola in italiano non esiste. Nella nostra lingua si dice “valutazione”.
  • “Si e’ evoluta per apportare qualita’ e quantita’ ai formati media”. Sarebbe a dire?

Ecco, cara Laura. Come vede non ne faccio una questione personale, ma professionale. Impari il mestiere e poi ne riparliamo. Buon lavoro!

Update. Mi segnalano due refusi che correggo: il bello di un blog è proprio che c’è gente che ti aiuta a migliorare :-) Per il resto… tutto qui? Se volete criticare la mia presa di posizione, non fatelo perché anche io sono incappato in un refuso, perché è la cosa di minore importanza: parliamo degli altri rilievi che ho fatto in merito ai contenuti!

Technorati tags: , ,

10 comments: On Unruly Media: quattro meno meno in comunicazione

  • Piuttosto interessante come notizia. Peccato che hai dimenticato una ‘R’ nel titolo e una ‘C’ al posto della ‘T’ nel primo paragrafo.
    Un voto dettato da queste presmesse purtroppo non raggiunge il 3.
    Controlla i tuoi difetti prima di giudicare quelli altrui.

  • LOL! Ricevuta anch’io… e come te, ho “apprezzato” lo stile con cui è scritta. Ma non ho impiegato tempo per approfondire e rispondere, fortuna che ci sei tu… 😛

  • Senti Nicola, in qualità di blogger influenti (mai quanto te sia chiaro!) potremo farne a una raccolta di queti strafalci_oni. C S fanno 2 risaTe (e magari qualcuno impara qualcosa..)

    Che dire oltre?
    Forse solo ASK me for this!

  • No fa una piega… fastidioso quanto il tuo captcha 😀

  • Come al solito acuto e pungente…
    Però attenzione anche tu ai refusi :))
    Quatto sta per quattro?
    Un tuo estimatore

  • @caterina: refusi corretti. grazie per la segnalazione :-)
    @stefano vitta: il mio captcha è culturale 😉

  • Caro Stefano,

    Il tuo captcha non e’ culturale, ma piuttosto e’ radicato in una peculiare ricerca dell’imperfezione altrui, di cui pero’ tu sei il primo a soffrirne.

    Infatti, dopo aver convenientemente corretto i TUOI errori, hai voluto precisare che non denunciavi la forma ma i contenuti della mail.

    Un po’ di coerenza e’ sicuramente molto piu’ importante di qualche errore di battitura.

  • @caterina: per la cronaca, io mi chiamo Nicola 😀

  • Sospetto che la signora Caterina si chiami Laura.

    ASK her for this

    Ci vediamo al Romecamp 😉

  • Fin tanto che riceviamo email “fatte in casa” (non dovrebbero ma possiamo comprendere gli errori) ma se lo fanno agenzie di comunicazione…Se fossi il cliente che ha dato questo incarico sarei a chiedere indietro quanto pagato per lo meno la mia immagine ne risente. Sbaglio?

Comments are closed.

Site Footer

Sliding Sidebar

About Me

About Me

Entrepreneur, digital explorer, polymath, husband and father of two girls. I study the unstoppable process of “software eating the world” and I'm passionate about digital transformation, open innovation, startup communities and all the techniques to invent new products and new business models.

Find me also here: