Gli open data della Regione Piemonte: un esperimento

La Regione Piemonte è – credo – il primo ente italiano a pubblicare degli open data in modo organico inaugurando il sito dati.piemonte.it sul modello di quanto stanno facendo le pubbliche amministrazioni negli Stati Uniti, in Gran Bretagna e in altre democrazie occidentali avanzate.
Questo significa che i dati sono messi a disposizione in modo tale che possano essere scaricati e manipolati. Poiché aspettavo questo momento da tempo, non ho resistito a giocare con il data set che riguarda gli studenti stranieri nelle scuole piemontesi dal 1994 al 2008. Ho importato il file csv in uno spreadsheet di Google Docs e ho creato un gadget con i motion chart. Il risultato è quello che vedete di seguito.
Vi consiglio di cambiare un paio di settaggi scegliendo Colore > Colori unici e Dimensione > Totale. Quindi cliccate sul pulsante Play in basso a sinistra e il grafico si animerà mostrando la crescita complessiva degli studenti stranieri e il peso di alcuni paesi come il Marocco, l’Albania e la Romania (notate l’accelerazione di quest’ultimo paese che nell’ultimo anno scolastico arriva ad oltre 17mila studenti contro i 45 del 1994).

Il mio piccolo esperimento è banale, ma le mie capacità in termini di manipolazione dei dati e di infografica sono quelle che sono 😉 Qualcuno più capace di me saprebbe sicuramente fare assai meglio di me mixando i vari data set disponibili per la scuola. Che aspettate?

10 comments: On Gli open data della Regione Piemonte: un esperimento

Comments are closed.

Site Footer

Sliding Sidebar

About Me

About Me

Entrepreneur, digital explorer, polymath, husband and father of two girls. I study the unstoppable process of “software eating the world” and I'm passionate about digital transformation, open innovation, startup communities and all the techniques to invent new products and new business models.

Find me also here: