Tagstartup

From solution to business in 4 steps and a lot of know-how…

  Whether you are a startup or an established company, you need to create new products, bring them to the market and growth them to a sustainable business. I tried to sketch the four key phases and what do you need regarding knowledge and smart money. We can apply this scheme both to startups and corporations. 1. You start with a solution to a problem. To minimize risk, you can use many...

Lezioni di growth hacking

La settimana scorsa ho tenuto una lezione ai ragazzi che fanno il corso di growth hacking organizzato dalla TAG Innovation School. Queste sono le slide che ho preparato per l’occasione: Il percorso parte dall’individuazione puntuale del cliente e del suo customer journey. Questo passaggio viene spesso trascurato, ma è invece di fondamentale importanza perché serve per mettere a punto...

Startup Storytelling – Parte 2 di 4

Per un imprenditore, saper creare e raccontare delle storie è un’abilità tanto importante quanto sottovalutata. Questa è la seconda puntata di una serie di quattro post sullo storytelling per le startup. La prima puntata è qui: Startup Storytelling – Parte 1 di 4 Company storytelling La seconda dimensione dello storytelling che un imprenditore deve governare riguarda l’azienda e la strada...

Startup Storytelling – Parte 1 di 4

Per un imprenditore, saper creare e raccontare delle storie è un’abilità tanto importante quanto sottovalutata. Il motivo è molto semplice: come esseri umani siamo fatti di storie e le storie danno un senso alle cose che facciamo e che progettiamo di fare. Quando si avvia una nuova azienda, essere un bravo storyteller aiuta a posizionare il prodotto e a raccontarlo ai clienti, a comunicare gli...

Quando si parla di startup, l’Italia ha molto poco in comune con Israele

Sull’emergente ecosistema italiano delle startup si dicono tante cose e spesso sono considerazioni superficiali quando non si tratta di vere e proprie sciocchezze. Una di queste è l’idea che l’Italia assomigli molto a Israele e che quindi anche noi possiamo diventare una startup nation. Non ho un’esperienza diretta dell’ecosistema israeliano, ma ho letto con attenzione Startup Nation, che –...

How we will change web development with Stamplay

It is now some months that we are working on the last version of Stamplay, and I would like to share some information about our work. We started in August 2012 with the aim of solving a problem that we’ve experienced in the first person as consultants: the creation of an online communication campaign often requires the development of custom software. Most advertising agencies outsource these...

Appunti su come usare Angel List al meglio

Condivido alcuni appunti che ho preso studiando come trarre il maggior vantaggio possibile da Angel List. Le fonti migliori che ho trovato sull’argomento sono tre: Deconstructing AngelList: How to Optimize Your Funding Profile Hacking Angel List Startups: How to Hustle with AngelList in 10 Steps I fondamentali valgono sempre Business angel e venture capitalist sono alla ricerca sempre delle...

Ma perché le donne non vogliono fondare startup tecnologiche? Reloaded [guest post]

Il post sul perché le donne non fanno startup tecnologiche ha prodotto un vivace dibattito su Facebook, che vi invito a leggere. Allo stesso tempo ospito una replica di Patrizia Polito, di cui condivido molti punti: Se non vogliano, non so. Certamente hanno difficoltà. Le ragioni sono tante; quelle che vedo io sono prevalentemente di carattere sociale ed educativo. 1. Non dimentichiamoci che...

Ma perché le donne non vogliono fondare startup tecnologiche?

Da quando mi occupo di startup, ho continuamente l’impressione di stare alla tre giorni del militare. Chi ha superato i quaranta se la ricorda sicuramente. Un giro di visite, colloqui e test che avevano due grandi momenti cruciali: il test psicologico, a cui alcuni rispondevano in modo assolutamente casuale nella speranza di essere classificati tra quelli non adatti alla leva, e la visita...

A few thoughts on TechCrunch Italy

TechCrunch Italy was a great event, full of positive energy and with a good program. I consider it a good beta, a successful experiment with some things to improve. Kudos for the decision to do everything in English without simultaneous translation and assuming that anyone who wants to be in the world of digital startups must adopt its lingua franca: there is no alternative to this. Monty did a...

L’esperienza di Stamplay al Betapitch di Berlino

Questo fine settimana io e Giuliano siamo stati a Berlino per partecipare a Betapitch, una pitch competition organizzata dal co-working Betahaus. E’ stata la prima esperienza internazionale da startupper e siamo tornati indietro con un po’ di cose, tra cui questo attestato di partecipazione 😉 Scherzi a parte, Berlino mi è sembrata una città incredibilmente attiva per quanto riguarda le startup e...

Startups at Fiera del Levante in Bari

Nicholas Caporusso points out to me a good opportunity promoted by Fiera del Levante along with Bollenti Spiriti [italian] and The Hub Bari [italian], with the support of Qiris [italian]. If your startup is founded by youngs and is less than five years old, you can book a free mini stand for (at least) a whole day to showcase your business. In addition, you can propose a demonstration, a workshop...

Il Founder Institute arriva a Roma [comunicato stampa]

Si svolgerà a Roma, il 27 giugno 2012 3 luglio alle ore 18:00 presso l’Innovation Campus di Microsoft in via Avignone 10 (mappa), il primo incontro di presentazione del Founder Institute, programma di accelerazione di startup digitali, che in tre anni ha dato vita a oltre 500 imprese in 26 città di tutto il mondo, creato oltre 2.000 posti di lavoro e raccolto finanziamenti da investitori per un...

Zone franche digitali: un’ipotesi di lavoro

Questo week end un amico mi ha scritto chiedendomi che cosa ne penso dell’opportunità di creare delle zone franche, come strumento per agevolare la nascita di distretti di startup digitali. Il tema è nell’agenda della task force governativa del Ministero dello sviluppo economico e dell’associazione Italia Startup, quindi è utile proporre alcune considerazioni e avanzare una proposta operativa...

Qual è il ruolo digitale nelle esportazioni italiane (update)

Cito un altro brano dal libro di Elserino Piol, Per non perdere il futuro. In queste righe si parla dell’importanza delle esportazioni: Il problema dell’esportazione è centrale per il futuro dell’Italia, perché i soldi che non entrano con le esportazioni possono arrivare solo in due modi: con gli investimenti esteri diretti, che sarebbe la soluzione migliore, ma in Italia non ne...

Il sostegno all’innovazione tra misure orizzontali e verticali

In questo periodo, tra cabine di regia e task force, si parla molto di quali debbano essere le politiche che il governo dovrebbe mettere in campo per l’agenda digitale e per incenvitare la nascita di startup (soprattutto nell’area del digitale). A questo proposito, mi sembra utile citare un brano scritto da Elserino Piol qualche anno fa in Per non perdere il futuro: Si evidenzia la...

Una fair proportion per le startup innovative

Negli Stati Uniti, dal 1953, è stata istituita un’agenzia che si occupa della piccole imprese, la Small Business Administration. Tra le varie linee di intervento per sostenere la piccola impresa, mi sembra interessante la fair proportion: It is the declared policy of the Congress that the Government should aid, counsel, assist, and protect, insofar as is possible, the interests of small...

Startup e multinazionali tascabili in Italia

Riporto un brano tratto da Per non perdere il futuro di Elserino Piol. Il tema riguarda il ruolo delle startup in un sistema industriale e il ruolo delle multinazionali tascabili nella crescita del nostro Paese. Quale deve essere il motore dello sviluppo per un paese come il nostro? Una prima ovvia risposta è che i nostri interventi andrebbero focalizzati sulla piccola e media impresa, con un...

La cabina intelligente di Telecom Italia: contest

Quando ero ragazzino (parliamo del secolo scorso) nella cabina telefonica si mettevano i gettoni o una scheda prepagata. Oppure, circolavano tanti trucchetti su come scroccare una telefonata, come bucare la plastica della lucetta e inserire dentro una graffetta o altre diavolerie del genere. Accorgimenti fondamentali se d’estate eri stato in Spagna e avevi familiarizzato con una fanciulla...