Walter Veltroni e l’onorevole Calearo

Ieri Massimo Calearo, che è stato eletto nel Partito democratico come capolista nella circoscrizione Veneto 1 si è iscritto al Gruppo Misto della Camera. Ci è arrivato passando dal Partito democratico ad Alleanza per l’Italia di Rutelli e poi dimettendosi dal questo partitucolo di cui era stato fondatore. In altri termini, si è andato a mettere nella posizione di trattare con libertà l’appoggio al Governo Berlusconi.

Massimo Calearo è stato candidato come capolista direttamente da Walter Veltroni che ieri, invece di scusarsi con gli elettori del Veneto per la pessima scelta, ha dichiarato:

Adnkronos. «Ho avuto modo di parlare oggi con Massimo Calearo, al quale ho ricordato l’impegno da lui assunto, prima e dopo il voto, a sostegno del centrosinistra e, dato il risultato elettorale, in opposizione al centrodestra. Un impegno che è etico, perché comporta il rispetto degli elettori e della volontà espressa con il loro voto. Calearo, pur ribadendo le ragioni di un disagio politico mi ha confermato nettamente la sua volontà di attenersi all’impegno assunto davanti agli elettori. Sono certo che sarà coerente con se stesso».

La povera vittima di tante vigliaccate, l’agnello sacrificale, il super piagnone democratico deve essere stato in Africa a nostra insaputa perché la botta di sole mi sembra palese: solo uno che delira può fare una dichiarazione del genere.

1 comment

  • Se dovessi scegliere un titolo riassuntivo alla vicenda, non sarei quale titolo scegliere:
    a) Avere o essere? (Fromm)
    b) Il denaro, la follia, il potere (Drosnin)
    c) Il malaffare (Brioschi)
    ma scarto decisamente “Il coraggio della coerenza” (Della Balda)

By Nicola Mattina