Legacy Blog

Pensieri civili #4

Io ho una piccola azienda e qualche collaboratore: lavoro per produrre il mio reddito e quello delle persone che lavorano con me o per me. Pago ogni anno una quantità tasse che mi sembra esorbitante e non ho trovato una sola banca che sia disposta a farmi credito per un anticipo fatture. La condizione per sopravvivere come imprenditore è produrre ricchezza cercando di farmi pagare prima di andare in rosso sul conto corrente.
Perché ve lo dico? Per il semplice motivo che ogni volta che sento una notizia su Alitalia mi girano le palle vorticosamente. Mi girano nella consapevolezza che parte delle tasse che io pago non servono per sostenere la cosa comune, ma per mantenere in piedi una società che avrebbe dovuto fallire anni fa. Una società inefficiente piena di parassiti sindacalizzati che sanno dire sempre e solo no. Un’azienda tenuta insieme a forza di sovvenzioni pubbliche, concesse per tutelare la sua italianità. Beh, io da cittadino italiano dico che non mi interessa essere azionista di una società del genere: non me ne frega niente di volare sulla compagnia di bandiera, voglio essere trasportato da un vettore efficiente, sicuro e che pratichi delle tariffe ragionevoli.
Scusate lo sfogo 😉

Technorati tags: , ,