Legacy Blog

Ferrovie dello Stato: cretinismo ad alta velocità

Oggi provo a comprare un biglietto ferroviario via web come faccio di solito e mi arriva la seguente email:

Gentile cliente,
la transazione non è stata autorizzata poiché con l’ultimo tentativo di acquisto supereresti il plafond di spesa mensile associato alla tua utenza.
Puoi richiedere l’autorizzazione all’incremento del plafond di spesa associato all’utenza inoltrando, tramite fax al numero 06/44104036 o tramite e-mail all’indirizzo di posta areaclienti@trenitalia.it, la seguente documentazione:
– il testo di questa e-mail,
– la tua user id,
– un recapito telefonico,
– la fotocopia/scansione di un documento di riconoscimento dell’intestatario della user-id,
– la fotocopia/scansione del codice fiscale,
– l’indicazione dell’importo di spesa che si desidera associare alla propria utenza.
Entro 48 ore riceverai l’esito della tua richiesta tramite una e-mail al tuo indirizzo di posta elettronica.
Con riferimento ai dati che ci fornirai per l’attivazione del servizio, ti ricordiamo che i tuoi diritti in materia di privacy sono tutelati da Trenitalia nel rispetto della vigente normativa (D. lgs 196/2003).
Se invece hai appena effettuato un acquisto Corporate Travel B2B, per procedere alla richiesta di autorizzazione all’aumento di plafond aziendale, come previsto dall’accordo, ti invitiamo a rivolgerti al Referente Commerciale di Trenitalia che segue la tua azienda oppure al tuo Referente Aziendale.

Sono sicuro che questo messaggio si basa su validissime spiegazioni burocratiche aziendali che fanno riferimento a un qualche oscuro regolamento e magari a un regio decreto. Sta di fatto che io che sono un cliente assiduo delle Ferrovie dello Stato, invece di essere premiato, vengo penalizzato e sottoposto a una fastidiosa procedura per acquistare un biglietto via web.
Non solo: in attesa di essere autorizzato a spendere di più (!), chiamo il call center e acquisto il biglietto via telefono con un costo per le Ferrovie dello Stato ben superiore a quello di una transazione via web.

Carlo Cipolla scrisse in Allegro ma non troppo (le cinque leggi fondamentali della stupidità) che il cretino è chi provoca un danno ad un’altra persona senza ottenerne un beneficio. Qui siamo allo stadio successivo: il cretino ad alta velocità 🙂